Lattine pronte per la spedizione nel magazzino di Malmö della Ball Corporation.

Yes, we can

I continui fermi di produzione causati dall’insufficienza di lubrificante affliggevano il costruttore di lattine Ball Corporation di Malmö, in Svezia. La soluzione? Un nuovo sistema di lubrificazione centralizzata della SKF.

Testo Erik Aronsson
Foto Kwok-Keung Cheng, Viktor Westin

Industria Lubrificanti

Fatti

Ball Corporation Malmö
Fondata nel 1918 come AB Plåtmanufaktur, in seguito PLM AB.
Lo stabilimento di Malmö è stato inaugurato nel 1981.
La PLM AB è stata acquistata nel 1999 dalla multinazionale britannica produttrice di imballaggi di consumo Rexam PLC. Nel 2016, quest’ultima è stata acquistata dalla Ball Corporation, una multinazionale USA di imballaggi e aerospace.
La capacità produttiva annua di Malmö è di circa due miliardi di lattine.
La Ball Corporation è quotata alla Borsa di New York. Dopo l’acquisizione della Rexam Plc, è il maggiore produttore di lattine del mondo, con 18.700 dipendenti e vendite nette pro forma pari a circa 11 miliardi di dollari nel 2015.
www.ball.com

 

SKF MultiLube, un’eccellente soluzione di lubrificazione
L’unità modulare di pompaggio SKF Multi­Lube integra tutte le funzioni e i componenti relativi: unità di controllo, pompa, serbatoio, valvola direzionale e monitoraggio pressione. Tutti i dosatori SKF di grasso e olio per sistemi a linea singola e doppia possono essere impiegati con l’unità di pompaggio, ad alta qualità, SKF MultiLube, la quale garantisce un funzionamento affidabile del sistema di lubrificazione, impedendo il danneggiamento e il cedimento dei cuscinetti e migliorando la capacità operativa di macchine e apparecchiature pesanti.

Un problema di lubrificazione ricorrente costringeva a continui fermi di produzione nello stabilimento della Ball Corporation di Malmö, in Svezia.

Lo stabilimento appartiene alla multinazionale USA di imballaggi e prodotti per l’aerospace Ball Corporation, il maggiore produttore di lattine del mondo, e produce lattine in alluminio nei formati da 33 e 50 cl. per i paesi scandinavi e baltici, oltre che per la Germania settentrionale.

Tra i clienti si annoverano importanti aziende internazionali produttrici di bevande come Coca-Cola, Carlsberg e Tuborg. Ogni anno vengono prodotti circa 2 miliardi di lattine nelle quattro linee dell’impianto, che opera a ciclo continuo, 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Impedire i fermi linea non previsti è dunque fondamentale.

Sono davvero soddisfatto di aver scelto questa soluzione.
Magnus Pettersson, Ball Corporation Malmö

Una delle fasi più importanti del processo di produzione è la stampa, eseguita da apposite stampanti che provvedono a stampare sulle lattine l’immagine desiderata dai clienti. Ed è proprio qui che si verificavano le frequenti interruzioni di lubrificazione e i conseguenti fermi.

“Alcuni cuscinetti delle stampanti non venivano lubrificati correttamente”, spiega Magnus Pettersson, responsabile delle stampanti alla Ball Corporation di Malmö.

“Per alcune macchine sono predisposti tre diversi sistemi che garantiscono la lubrificazione a un dato numero di punti” continua. “Di solito questo non è un problema, ma avevamo la sensazione di non avere il pieno controllo del processo, né che fosse erogata una quantità idonea di lubrificante. Dai calcoli è emerso, infatti, che i fermi non programmati ci costavano circa 55.000 euro all’anno”.

Da sinistra: Ulf Persson, key account manager SKF, Juha Tyni, service manager SKF Lubrication, e Magnus Pettersson, responsabile stampanti della Ball Corporation di Malmö.

Da sinistra: Micael Haugland, key account manager SKF, Juha Tyni, service manager SKF Lubrication, e Magnus Pettersson, responsabile stampanti della Ball Corporation di Malmö.

Per risolvere il problema, Pettersson si era rivolto alla Momentum Industrial, un concessionario SKF certificato di Malmö.

“Ho lavorato a lungo con la Ball, quindi conosco bene l’impianto”, dichiara Mats Larsén, account manager della Momentum Industrial. “Forti della competenza SKF, siamo andati insieme alla Ball per capire quale fosse la soluzione più idonea”.

È stato quindi deciso di dotare una delle stampanti di due sistemi di lubrificazione SKF Multilube (per due grassi diversi) per garantire l’adeguato apporto di lubrificante in tutti i punti.

“Il sistema ci ha permesso di regolare l’afflusso di lubrificante in ogni punto, offrendoci maggiore flessibilità rispetto a quello precedente”, osserva Pettersson. La soluzione SKF MultiLube ha inoltre eliminato drasticamente il problema delle interruzioni non programmate della stampante.

“Da allora non ci sono più state anomalie e la stampante non ha mai smesso di funzionare”, dice. “Sono davvero soddisfatto di aver scelto questa soluzione: ha reso molto più semplice il mio lavoro quotidiano”.

I due sistemi SKF Multilube installati su una delle stampanti.

I due sistemi SKF Multilube installati su una delle stampanti.

Considerato il successo del sistema SKF Multi­Lube, la Ball ha deciso di installarlo anche sulle altre stampanti dell’impianto di Malmö.

“Sulla base della nostra esperienza con la prima installazione, possiamo dire di aver ottenuto un ritorno del capitale investito dopo circa un anno, dato che i fermi non programmati si sono notevolmente ridotti”, sottolinea Pettersson.

La collaborazione tra la Ball e la SKF è stata costruttiva. Dice Pettersson: “La SKF ha messo in campo tutte le competenze di cui avevamo bisogno. Abbiamo instaurato un rapporto proficuo tra la nostra azienda, la SKF e il concessionario Momentum Industrial.

“Come cliente, reputo molto importante ricevere un supporto adeguato e poter contare sulla tempestività del fornitore”.

Contenuto correlato