Industria

Come rendere LA VITA pui facile

L’azienda belga Handi-Move International, che produce ausili e sistemi di sollevamento e accessori, risponde alle esigenze delle persone con mobilità ridotta e della popolazione mondiale che invecchia.

Related Articles

L’azienda belga Handi-Move International, che produce ausili e sistemi di sollevamento e accessori, risponde alle esigenze delle persone con mobilità ridotta e della popolazione mondiale che invecchia.

Business

a una grossa differenza nella vita di una persona poter vivere a casa propria”, dice Stefan Van Raemdonck, amministratore delegato dell’azienda belga Handi-Move International, specializzata in ausili e sistemi di sollevamento. “Migliorare la qualità della vita altrui fa sentire profondamente soddisfatti”.

Handi-Move International è uno dei cinque maggiori produttori di sistemi e ausili per il sollevamento delle persone con mobilità ridotta. L’invecchiamento della popolazione e la maggiore consapevolezza da parte del personale sanitario dei problemi correlati accrescono l’esigenza di un’assistenza più specifica.

“Tutti rivendicano i propri diritti”, sostiene Van Raemdonck. “Ed è un bene poiché tutti se ne giovano. Chi è costretto su una sedia a rotelle preferisce vivere a casa sua piuttosto che in una casa di cura, e la qualità della vita è migliore se può spostarsi dal letto al bagno senza l’aiuto di nessuno. A sua volta, l’assistente che effettua meno sollevamenti manuali protegge la sua schiena e non rischia infortuni che possono portare a disabilità e alla perdita del lavoro. E anche la società risparmia”.

Nella sede della Handi-Move International a Ninove, in Belgio, si respira un’atmosfera allo stesso tempo conviviale e imprenditoriale. Nei vari reparti, tutti salutano Van Raemdonck con una stretta di mano e due chiacchiere.

Dal canto suo, Van Raemdonck è una guida affabile. “Abbiamo maturato una vasta conoscenza tecnica e questo ci rende flessibili”, afferma con orgoglio. Mostra una piegatrice e racconta che è stata realizzata al loro interno perché l’esternalizzazione avrebbe reso proibitivo il costo di un progetto recente. “Anche questa macchina per assemblaggio è stata realizzata qui – in sei mesi. Non ci siamo potuti permettere di affidarne a terzi la costruzione”.

“Siamo concentrati su ciò che è meglio per i nostri utilizzatori e investiamo il 20 percento delle nostre risorse nella ricerca e sviluppo”, continua Van Raemdonck. “Puntiamo a soddisfare tutte le esigenze, anche quelle particolari, come andare letto o montare a cavallo. In questo consiste il nostro successo e la nostra distinzione: nell’ascolto dei nostri clienti”.

Il padre di Van Raemdonck, René Van Raemdonck, fondò la Handi-Move nel 1982, in parte per rispondere a una richiesta. Membro del Rotary Club locale, a René Van Raemdonck fu chiesto di aiutare un gruppo di persone disabili, all’interno del quale c’era un uomo la cui moglie non riusciva più a spostarlo dalla sedia a rotelle al bagno. René Van Raemdonck realizzò quindi un apposito sistema di sollevamento, che all’inizio degli anni ottanta tentò anche di vendere, ma senza successo. Di qui l’idea di avviare una propria attività.

L’intento di René Van Raemdonck era quello di creare un sollevatore in grado di offrire la stessa presa salda e confortevole di una madre che solleva il suo bambino. Con l’aiuto dei ricercatori della Leuven University, il progetto è diventato realtà e, oggi, il sollevapersone della Handi-Move – insieme agli altri prodotti, quali sistemi di sollevamento mobili, a soffitto, a parete e per piscina – è impiegato in tutto il mondo da oltre 40.000 persone.

Stefan Van Raemdonck entrò in azienda nel 2003, quando suo padre stava fondando una seconda impresa, la Dorsoo International, specializzata nella produzione di letti. Mentre i prodotti della Handi-Move sono venduti principalmente a ospedali e case di cura, i letti della Dorsoo servono in primo luogo ai privati cittadini belgi. Afflitto da insonnia, René Van Raemdonck aveva acquistato svariati tipi di letto con la speranza di dormire meglio, ma puntualmente erano finiti tutti in garage perché non erano serviti allo scopo. Si mise quindi al tavolo da disegno e studiò una soluzione, che si trova oggi in vendita in Belgio, in sei negozi Dorsoo. Al cliente viene data la possibilità di provare il letto per due mesi e di restituirlo se insoddisfatto. Nel 98,6 percento dei casi i clienti se lo sono tenuto.

“Durante il sonno ci muoviamo circa 40 volte e la particolarità di questo letto consiste nell’assecondare i movimenti del corpo grazie a un sistema di pompe idrauliche”, spiega Stefan Van Raemdonck. Questo sembra essere il segreto di un sonno ristoratore e anche del crescente successo della Dorsoo. In azienda, su una parete sono stati affissi i messaggi dei clienti soddisfatti per essere finalmente riusciti a dormire bene.

“Il letto Dorsoo mantiene ciò che quelli dei concorrenti promettono di fare”, dichiara Van Raemdonck. “Assumere una posizione anatomicamente corretta significa permettere al corpo di rilassarsi durante il sonno. Nei prossimi anni daremo il via alle esportazioni e direi che all’estero le potenzialità sono notevoli”.


I prodotti Handi-Move e la SKF

Gli attuatori SKF impiegatinel braccio telescopico del sollevatore a parete della Handi-Move permettono la traslazione dal letto, dalla vasca o dal water alla sedia a rotelle. Il sollevatore a parete ha una rotazione di 180°, che possono diventare 320° con l’estensione del braccio.

Nei sollevatori per piscina Handi-Move, gli attuatori permettono la sistemazione del braccio all’altezza desiderata e quindi un agevole sollevamento delle persone dentro e fuori dall’acqua. Per questo impiego, gli attuatori sono sottoposti a uno speciale trattamento che li rende resistenti all’azione del cloro e dell’ozono presenti nell’acqua delle piscine.

Il letto regolabile Dorsoo può assumere la posizione desiderata grazie, tra gli altri meccanismi, agli attuatori SKF che sollevano il materasso.