Tecnologia digitale

Prevenire è meglio che curare

L’emergenza guasti non è che un ricordo per la RTI Biologics: il moderno machine health reporting program della SKF sposta l’obiettivo sulla prevenzione.

Articoli correlati

Fatti

RTI Biologics in Florida

Leader mondiale nella preparazione di innesti biologici sterilizzati per trapianti, la RTI Biologics Inc. è impegnata a far progredire la scienza, l’innovazione e la sicurezza. I tessuti provenienti da donatori umani o di origine animale sono sottoposti a rigorose selezioni e a estensive analisi prima di essere modellati e sterilizzati mediante appositi processi brevettati e convalidati. Gli innesti per allotrapianti e xenotrapianti sono utilizzati in campo ortopedico, odontoiatrico, nelle patologie della colonna vertebrale, nella medicina sportiva e in altre specializzazioni cliniche.

www.rtix.com

L’emergenza guasti non è che un ricordo per la RTI Biologics: il moderno machine health reporting program della SKF sposta l’obiettivo sulla prevenzione.

Business

Nella primavera del 2010, Johnny Simmons III stava giocando a baseball, il suo sport preferito, con la squadra della scuola. Era posizionato sul monte di lancio quando la palla di un compagno di squadra lo colpì in pieno volto, causandogli la frattura dell’orbita oculare sinistra e il distacco della retina. Cadendo a terra Johnny pensò di essersi procurato un banale occhio nero, ma gli allenatori, vedendo l’emorragia defluire da occhi, orecchie e naso, capirono che si trattava di un infortunio grave. I medici diagnosticarono la perdita dell’occhio e la fine della sua carriera come giocatore di baseball. Johnny non si diede per vinto e chiese il parere di altri medici, i quali gli prospettarono una ricostruzione orbitale mediante innesti di ossa e tessuti. Non solo il ragazzo recuperò la vista, ma riprese a giocare l’anno successivo.

Il caso volle che suo nonno, Johnny Simmons, lavorasse come ingegnere dell’affidabilità alla SKF USA Inc. e avesse tra i suoi clienti la RTI Biologics, azienda leader mondiale nel campo della preparazione di innesti sterilizzati di tessuti, come quelli utilizzati per la ricostruzione dell’occhio di suo nipote. “Ora è tornato a giocare e non si direbbe che abbia subito un infortunio così grave”, dice Simmons.

Fondata nel 1998, la RTI ha prodotto oltre 2 milioni di innesti per allotrapianti (tessuti di derivazione umana) e xenotrapianti (tessuti di derivazione animale), che, grazie all’esclusivo processo di sterilizzazione BioCleanse®, non hanno mai causato alcun problema di infezione nelle fasi post operatorie . Nata come spin-off dell’Università della Florida, nel 2000 l’azienda è diventata una società per azioni e, nel 2008, è stata incorporata alla tedesca Tutogen. Lo stabilimento occupa una superficie di 16.250 metri quadrati nel Progress Corporate Park di Alachua, un complesso industriale situato in una tranquilla zona rurale della Florida centro-settentrionale, dove si sono concentrate numerose aziende che operano nel campo della biotecnologia e delle bio-scienze.

L’insolita specializzazione e l’esclusività dei prodotti hanno permesso alla RTI di crescere molto rapidamente, tanto da essere considerata l’impresa tecnologica derivata dall’Università della Florida che ha conseguito i risultati più brillanti in termini di utili e relativo reinvestimento nella ricerca.

La RTI Biologics dà lavoro a 700 persone in tutto il mondo, 500 delle quali presso il quartier generale di Alachua. L’asettico stabilimento opera 24 ore su 24 per fare fronte in qualsiasi momento all’arrivo di tessuti provenienti da donatori umani, i quali vengono immediatamente congelati e sottoposti a estensive analisi atte a determinarne l’idoneità per il trapianto. Prima di essere distribuito agli ospedali di tutto il mondo, il prodotto finale viene sottoposto a un processo di sterilizzazione terminale brevettato dalla RTI. Ogni fase del processo e ogni apparecchiatura deve rispondere a rigorosi standard clinici, che si rifanno ai criteri della lean manufacturing. Chuck Ratliff, Direttore dello stabilimento, ha la responsabilità di soddisfare questi standard.

Quando Ratliff entrò in azienda, sei anni fa, la manutenzione era perlopiù di tipo reattivo e poco veniva fatto nell’ottica della prevenzione. Quando si verificava un guasto, i tecnici intervenivano a qualsiasi ora del giorno e della notte per eseguire le riparazioni di emergenza. Nonostante la prontezza di reazione, era necessaria una nutrita giacenza di ricambi per fare fronte ai guasti improvvisi. Inoltre l’intero sistema doveva essere fermato fino al completamento della riparazione, con inevitabili disguidi per i pazienti in attesa di trapianto. Il livello prestazionale dell’impianto raggiungeva l’80 percento, ma i tecnici elaborarono una procedura di manutenzione più efficace per migliorare l’affidabilità dell’impianto.

La RTI contattò la SKF. Johnny Simmons, ingegnere dell’affidabilità incaricato di seguire l’area della Florida settentrionale, presentò a Ratliff e a Randy Cannon, specialista della manutenzione, il nuovo sistema di rilevamento delle vibrazioni sviluppato dalla SKF, che superava di gran lunga gli standard industriali. Dice Simmons: “La RTI è stata la prima azienda negli Stati Uniti ad adottare questo nuovo programma”.

L’SKF machine health reporting program utilizza un sistema di registrazione basato sui dati di vibrazione. La RTI, a sua volta, integra il programma con l’analisi a ultrasuoni e a infrarossi. Tutto il macchinario di supporto della RTI Biologics è sottoposto a un processo di reporting mensile, attraverso il quale Simmons esamina i dati pervenuti in formato elettronico per individuare eventuali anomalie e criticità di funzionamento molto prima che queste si trasformino in guasti e rotture. In passato il reporting era trimestrale, fattore che rendeva particolarmente difficile fare previsioni. “Chiedere di fare previsioni a tre mesi, rischia di essere un po’ azzardato”, commenta Cannon.

Il livello di prestazione attualmente raggiunto dalla RTI è del 98,7 percento, un risultato ottimale che l’azienda intende mantenere.

Il passaggio da una manutenzione di tipo reattivo a una di tipo predittivo ha posto alcune sfide a Ratliff e al suo staff di tecnici. Gli interventi urgenti, nel cuore della notte, sono ormai un ricordo e, sebbene questo abbia privato i tecnici della scossa adrenalinica data dal risolvere un problema in piena emergenza, secondo Ratliff il suo team ha imparato ad apprezzare la possibilità di risolvere i problemi ancor prima che questi si manifestino, nonché di mantenere l’affidabilità delle macchine a un livello costantemente soddisfacente.

“Siamo fieri di aver acquisito la competenza nel monitoraggio delle condizioni e di poter affrontare i problemi prima che si trasformino in guasti”, dice Ratliff. “L’azienda ha raggiunto livelli molto soddisfacenti e intendiamo adoperarci per diventare i campioni della manutenzione predittiva”.


Conoscenza tecnica

Attraverso la conoscenza tecnica acquisita nel campo dei cuscinetti in oltre cento anni di attività, la SKF realizza soluzioni innovative che contribuiscono ad aumentare l’efficienza, l’affidabilità e il risparmio energetico di vari tipi di macchine. Il vasto assortimento di prodotti e servizi della SKF è concepito per preservare le risorse naturali e salvaguardare l’ambiente. L’avanzato SKF machine health reporting program fornito alla RTI Biologics ha permesso a quest’ultima di portare il livello di prestazione delle apparecchiature dall’80 al 98,7 percento.