Industria

L’affidabilità conta

La Xuzhou Keyuan Hydraulic Pressure Co. Ltd. affianca alla ricerca di nuove moda­lità di crescita l’impegno per offrire prodotti più affidabili.

Articoli correlati

Fatti

KEYUAN

La Xuzhou Keyuan Hydraulic Pressure Co. Ltd. è specializzata nella produzione di componenti destinati all’industria dei macchinari per le costruzioni. L’assortimento dei prodotti, che trovano vasto impiego anche nella costruzione di veicoli speciali e attrezzature petrolifere comprende pompe a ingranaggi ad alta pressione, motori idraulici a ingranaggi, ingranaggi planetari cilindrici e riduttori per argani.

La Keyuan nasce come società a partecipazione azionaria nell’ottobre 2001, a seguito della ristrutturazione della Xuzhou High Pressure Gear Pump Factory, fondata nel settembre 1983. Nel 2004 viene istituita ufficialmente la Xuzhou Keyuan Mechanical Co. Ltd. L’ampliamento avvenuto nel 2007 ha portato la Keyuan a una capacità produttiva annua di 200.000 pompe a ingranaggi e 60.000 riduttori planetari, diventando così il maggiore produttore di pompe a ingranaggi a media e ad alta pressione e di riduttori planetari per gru nella provincia dello Jiangsu.

L’attuale stabilimento della Keyuan occupa una superficie di oltre trentamila metri quadrati, ma tra due anni prevista è l’apertura di un nuovo e più ampio complesso. L’azienda, che dà lavoro a più di 500 persone, nel 2010 ha fatturato l’equivalente di 37 milioni di euro.

Contatto vendite

Dan David Jiang, Dan.David.Jiang@skf.com

Situata nella Cina orientale, nella provincia dello Jiangsu, la Xuzhou Keyuan Hydraulic Pressure Co. Ltd. punta a sviluppare una strategia di nicchia nell’ambito dell’industria nazionale dei macchinari per le costruzioni. Collateralmente, l’azienda intende garantire una maggiore affidabilità dei propri prodotti, penetrare nuovi mercati e raggiungere una posizione durevole come leader di settore.

Dapprima consociata dell’azienda statale Xuzhou Construction Machinery Group, a seguito di una riorganizzazione aziendale nel 2001 la Keyuan è diventata un’impresa privata. Fino al 2004 l’azienda produceva unicamente pompe a ingranaggi, alle quali sono stati poi aggiunti i riduttori. Per i produttori cinesi di macchinari per le costruzioni sono entrambi prodotti critici.

Nel 2011 la Keyuan ha celebrato il suo decimo anniversario. Han Yongjin, direttore generale e presidente dell’azienda, parla del decennio che si è concluso.

“La Keyuan ha tratto indubbi vantaggi dallo sviluppo dell’industria cinese delle macchine per le costruzioni”, dice. “Negli ultimi anni, il tasso di crescita annuo dell’industria si è attestato al 30 percento e noi abbiamo colto al volo l’opportunità. Nel 2001 il nostro fatturato si aggirava intorno ai 2 milioni di euro, che nel 2008 sono diventati 18 e, nel 2010, 37. Nei primi sei mesi del 2011 avevamo già raggiunto i 25 milioni di euro”.

Il cammino della Keyuan è stato impegnativo. In Cina, l’industria delle macchine per le costruzioni è fortemente influenzata dalla politica di sviluppo del paese ed è evidente che i nuovi progetti edilizi possono causare fluttuazioni di mercato.

“Nei primi sei mesi del 2010 siamo stati sommersi dagli ordini ed è stato necessario ricorrere agli straordinari per soddisfare la domanda. Dopo ci sono stati mesi in cui si registravano picchi per 7 milioni di euro e altri in cui non si arrivava a 2 milioni. Sembrava che i clienti ci avessero abbandonato. Nel 2011 la situazione è stata ancora più critica, ma pare che la maggior parte dei costruttori del settore abbia vissuto situazioni analoghe, soprattutto nei mesi di luglio, agosto e settembre. Bisogna sapersi adattare alle circostanze”.

In una realtà così contrastante, la Keyuan deve, secondo Han, adattare il ritmo di produzione ai picchi di domanda, sviluppando nuovi prodotti e creando nuove partnership nei periodi di calo.       

Offrire prodotti affidabili è sempre stata una priorità dell’azienda, il cui impegno è stato gratificato dal fatto che le pompe a ingranaggi e i riduttori oggi dominano il mercato interno delle gru autocarrate e dell’industria automobilistica.

“Per i produttori cinesi di componenti per macchinari per le costruzioni l’affidabilità è fondamentale”, sostiene Han. “Per conquistare la fiducia dei clienti, le piccole e medie imprese devono incrementare l’affidabilità dei propri prodotti. Ora l’obiettivo della Keyuan è offrire prodotti estremamente affidabili a prezzi competitivi, un binomio che crea le basi per lo sviluppo futuro. In generale, le aziende cinesi sono competenti nell’ambito della progettazione e della lavorazione, ma sono carenti quando si parla di materiali, capacità di base e ricerca dei componenti”.

Se c’è un problema che riguarda l’affidabilità dei prodotti, Han dice che è consuetudine indire una riunione per analizzare tutti i fattori e pervenire a conclusioni basate sui fatti. Per la gestione avanzata della qualità l’azienda trae ispirazione dal modello giapponese.   

Dopo dieci anni di esperienza, Han ritiene che l’azienda debba cominciare a esplorare nuove opportunità di sviluppo e a fare piani a lungo termine. Il nuovo stabilimento a sud di Xuzhou, che si estende su una superficie di 130.000 metri quadrati, sarà operativo nel 2012 o nel 2013. Tra i programmi futuri c’è il reperimento di fondi finalizzati all’espansione dell’attività aziendale.

“L’industria dei macchinari per le costruzioni è in crescita. Secondo i dati nazionali, nei primi sei mesi le vendite hanno raggiunto i 47 miliardi di euro e potrebbero toccare quota 105 miliardi nel 2015. Siamo piuttosto fiduciosi nelle possibilità di crescita futura e vogliamo creare una nicchia di mercato”.

Han si è da poco recato negli Stati Uniti per fare visita ad alcune società che operano da anni nel settore. “I progressi compiuti da queste imprese nel campo dell’innovazione tecnologica sono intimamente connessi al loro successo duraturo. Pur avendo sperimentato fasi alterne, la cultura aziendale ha permesso loro di superare i momenti negativi. La Keyuan deve aprire la mentalità e renderla ricettiva. In questo modo è possibile distinguersi”. 

Pensando al futuro, Han sostiene che per avere successo nel lungo termine la Keyuan debba continuare a fare dell’affidabilità il proprio vessillo, impegnandosi nello stesso tempo a estendere il proprio raggio di azione anche in altri segmenti, quali le macchine per il cemento e il movimento terra, le pompe per calcestruzzo e le betoniere. L’azienda deve anche garantire il benessere dei propri dipendenti. “Se l’azienda vive una fase di espansione, devono poterne beneficiare tutti i dipendenti”.  

 

Con la SKF perdite d’olio sotto controllo

La collaborazione tra la Keyuan e la SKF ebbe inizio nel maggio 2010. A quel tempo la Keyuan sperimentava ogni anno gravi perdite economiche dovute a trafilamenti di olio nelle pompe a ingranaggi. Oltre a dover rimborsare i clienti per il consumo eccessivo di olio e i costi di manodopera, l’immagine aziendale risultava fortemente compromessa.

“Per i produttori cinesi di componenti idraulici, le perdite di olio implicano ogni anno ingenti perdite economiche”, afferma Han Yongjin, direttore generale della Keyuan. “Abbiamo provato vari dispositivi di tenuta fabbricati in Cina, ma si sono rivelati inefficaci. Per questo ci siamo rivolti a produttori stranieri”.

Nel 2010 Han decise di mettere alla prova i sistemi di tenuta della SKF, nonostante il costo più elevato. La soluzione adottata diede prova di grande efficacia, a tutto vantaggio del buon nome della Keyuan e dei suoi prodotti.

“Siamo convinti dell’affidabilità dei prodotti SKF”, dichiara Han. “A noi occorrono tanto i prodotti quanto le soluzioni, oltre ai servizi pre-vendita, il che implica una comunicazione efficace tra le parti. Con il contributo della SKF ci aspettiamo di migliorare l’affidabilità dei nostri prodotti e in futuro intendiamo instaurare una collaborazione fattiva”.